Un’amministrazione solo di facciata

Posted by – 13 aprile 2014

Il rifacimento della facciata del vecchio municipio – un edificio
fatiscente e senza tetto – è diventato il simbolo dell’amministrazione
Corte & Co.: 5 anni di attività di sola facciata per gettare
fumo negli occhi dei corenesi e nascondere dietro il belletto dell’apparenza
un modo vecchio di intendere e praticare la politica.

Share on Facebook

Il paese dei libri

Posted by – 31 marzo 2014


I libri costruiscono l’identità delle persone, dei popoli e dei luoghi. C’è un paesino del Galles, nel Regno Unito, che ne è la dimostrazione. Si tratta di Hay-on-Wye, ”la città dei libri” – ”the town of books”. Con librerie a ogni angolo, biblioteche, scaffali che ospitano migliaia di volumi dentro e fuori le mura, la cittadina attira booklover da tutto il mondo.
Vicino al Brecon Beacon National park, in una parte del Galles straordinaria dal punto di vista paesaggistico e naturale, il luogo è diventato polo di interesse turistico grazie a Richard Booth, che nel 1961 ha aperto la sua prima libreria di libri usati nella vecchia stazione dei pompieri. Nel corso degli anni Sessanta molte altre ne sono state create, tanto che all’inizio degli anni Settanta Hay-on-Wye si è guadagnata l’appellativo di “booktown”. Nel 1977, il 1 aprile, Richard Booth ha una trovata geniale dal punto di vista pubblicitario: proclama il paese principato autonomo e se ne dichiara re. Anche la fortezza della città viene trasformata in una libreria che ospita migliaia e migliaia di volumi, con scaffali all’aperto, addossati alle mura, da cui si può prendere ciò che si vuole lasciando in un barattolo di latta rosso una sterlina per i libri con copertina rigida, 50 centesimi per gli altri. Nel 2000, sempre il 1 aprile, King Richard Booth ha nominato anche i membri della “Casa dei Lord” locale.
Tra le numerose librerie da visitare, c’è quella storica e spettacolare che di Richard Booth porta il nome, saloni in legno su tre piani e una bella caffetteria. Ma anche la “Murder and Mayhem”, specializzata in noir e mistery, con una scaletta stretta e le sagome di morti ammazzati disegnate per terra, o la Rose’s Books, che vende libri per bambini.
Il paesino è famoso anche perché qui è nato il capostipite di tante manifestazioni e festival letterari diffusi in tutta Europa. Nel 1988 ha avuto infatti inizio un festival patrocinato da The Guardian che si tiene ogni anno ai primi di giugno. Nel 2002 la kermesse ha avuto tra i suoi ospiti nientemeno che Bill Clinton, che l’ha battezzata la “Woostock dei libri”.

Share on Facebook

Al sindaco non far sapere….

Posted by – 24 marzo 2014

Non dite al sindaco che la nuova legge elettorale sui comuni al di sotto dei tremila abitanti prevede l’aumento dei mandati consecutivi da due a tre.
Potrebbe rimanerci male…

Share on Facebook

La “sinistra” di Coreno è scappata di casa

Posted by – 10 marzo 2014

Share on Facebook

Benvenuti a Vienna

Posted by – 31 gennaio 2014

Il restauro delle facciate delle case nel tratto di via Roma tra
Vialaria e Santa Croce ha restituito agli abitanti della zona e a tutti
i cittadini di Coreno uno spaccato falso, multicolore.
Le facciate delle case sembrano quelle della Hundertwasserhaus
di Vienna progettata dall’artista Friedensreich Hundertwasser,
pseudonimo di Friedrich Stowasser. Chi abita nella Hundertwasserhaus
ha il diritto di decorare la facciata intorno alle proprie finestre
secondo il proprio gusto personale.
Come a Coreno!

Share on Facebook

Benvenuti a Cinecittà

Posted by – 29 gennaio 2014

Il restauro delle facciate delle case nel tratto di via Roma tra Vialaria
e Santa Croce ha restituito agli abitanti della zona e a tutti i cittadini di Coreno
uno spaccato falso, di cartapesta.
Le facciate delle case sembrano fondali cinematografici disegnati da scenografi
di film western e ricostruiti dalle maestranze di Cinecittà.

Buona visione!

Share on Facebook

Il vecchietto dove lo metto

Posted by – 26 gennaio 2014

Share on Facebook

“Sbrafanteria” applicata

Posted by – 9 dicembre 2013

Share on Facebook

Elezioni amministrative 1970: la lista “Vanga e Operaio”

Posted by – 2 dicembre 2013

Share on Facebook

Elezioni amministrative 1964: la lista “Vanga”

Posted by – 29 novembre 2013

Share on Facebook

Di cosa parliamo quando parliamo di Perlato Coreno

Posted by – 22 settembre 2013

Fonte: Achille Germanelli, imprenditore

Geologi, tecnici e imprenditori possono segnalare integrazioni o correzioni
scrivendo a: segnalazioni@corenese.it

Share on Facebook

Senza parole

Posted by – 19 settembre 2011

Istruttivo dialogo a distanza tra Borghezio in gonnella e Pilato in bermuda…

 

 

Share on Facebook

“Persona non gradita”

Posted by – 20 agosto 2011

Ieri sera, 19 agosto 2011, nella villa comunale, durante la presentazione di un libro (su cui -ahimè- torneremo) il Vice-sindaco, sig. Francesco Lavalle, si è avvicinato al sottoscritto e dopo avermi intimato di non registrare l’evento che stava per iniziare ha testualmente dichiarato che io ero “persona non gradita”. Testimoni, tra gli altri, Gaetano Ruggiero e Michele Lavalle.
Ora, è vero che da un po’ di tempo mi sento quasi in esilio: che con questa amministrazione mi sento quasi in un paese straniero: ma ora è una certezza.
Delle due, una: o il sig. Francesco Lavalle non sa quello che dice non trovando più conforto nel carisma calante della consorte “laureata”, o il Vice-sindaco, sig. Francesco Lavalle, parlava nell’esercizio delle sue funzioni.
In entrambi i casi dovrà rispondere di questa grave intimidazione nelle sedi opportune.
Personalmente, perché si è dimostrato uomo intollerante nei confronti delle critiche che questo blog ha rivolto alla moglie non come persona ma come giornalista o come relatrice in un pubblico convegno.
Politicamente, perché ha dimostrato che l’amministrazione di cui fa parte si sente padrona non solo del Comune, ma di tutto il paese, crede di poter disporre degli spazi pubblici come del cortile di casa propria, dove tutti i cittadini di Coreno sono ospiti: alcuni graditi, altri no.
Non è così.

Share on Facebook