Category: Cultura

Chi ha detto che con la cultura non si mangia?

Posted by – 19 Settembre 2019

Share on Facebook

Una novità assoluta!

Posted by – 6 Settembre 2019

Finalmente, dopo 10 anni di eventi culturali banali e ripetivi, concorsi 
di poesia a tema (sic!), presentazioni di libri per modo di dire e di autori 
soidisant, che abbiamo ripetutamente ma, ahimè, inutilmente criticato, 
Coreno dEstate 2019 presenta un evento nuovo, mai visto prima! 
Niente più poeti della domenica, scrittori della porta accanto, critici e 
moderatori onnipresenti e dai ruoli interscambiabili.
Niente più libri autoprodotti non richiesti e non necessari, acquistati 
dall’Amministrazione con i fondi regionali (3900 euro quest’anno) e regalati 
a una popolazione di lettori incalliti…
Non era questo il segnale che aspettavamo dalla nuova amministrazione?
Ora è arrivato!

Share on Facebook

Toponomastica double-face

Posted by – 1 Settembre 2019

E per non farci mancare niente, ecco una pagina del giornale della festa di Coreno Bene Comune che riporta tutti e due i modi di dire.
La saga continua…

Share on Facebook

Una nuova dignità per il dialetto di Coreno

Posted by – 19 Settembre 2017

Il 17 settembre 2017, nella Sala Polifunzionale del Comune, in un contesto piuttosto allotrio come il Convegno “Omaggio a Tonino – A 5 anni dalla scomparsa di Antonio LIsi” organizzato dalla Pro-loco, è stato presentato il libro Il patrimonio etnolinguistico alimentare di Coreno Ausonio di Maria Chiara Viccarone. Si tratta della tesi di laurea in Dialettologia discussa nell’anno accademico 2016-2017 presso la facoltà di Lettere dell’Università di Roma “La Sapienza”, opportunamente stampata a cura della Pro-loco.
A parte le imprecisioni di improvvisati relatori (la fonetica non studia i “suoni” bensì i “foni”,
il corenese non è una lingua ma un (brutto) dialetto, ecc.), il merito maggiore di questo lavoro di ricerca e di sistematizzazione è stato quello di aver tentato per la prima volta una trascrizione fonetica della pronuncia corenese da cui far derivare la trascrizione in grafemi.
Apprezzabile anche l’autodenuncia del direttore della Serra che ha ammesso molte “trascuratezze” nella trascrizione in italiano di molte parole del dialetto corenese. Altrattanto ci aspettiamo dai responsabili comunali dei cartelli con le indicazione stradali e dei toponimi. Mentre siamo coscienti che non possiamo pretendere lo stesso rigore dai responsabili delle sagre e delle feste paesane…
Immutata resta l’importanza di questo lavoro con il quale in punta di piedi, senza clamore, Chiara Viccarone ha dato un nuovo, grande contributo a elevare il dialetto di Coreno a dignità di lingua.

Share on Facebook

Senza parole

Posted by – 19 Settembre 2011

Istruttivo dialogo a distanza tra Borghezio in gonnella e Pilato in bermuda…

 

 Share on Facebook

“Persona non gradita”

Posted by – 20 Agosto 2011

Ieri sera, 19 agosto 2011, nella villa comunale, durante la presentazione di un libro (su cui -ahimè- torneremo) il Vice-sindaco, sig. Francesco Lavalle, si è avvicinato al sottoscritto e dopo avermi intimato di non registrare l’evento che stava per iniziare ha testualmente dichiarato che io ero “persona non gradita”. Testimoni, tra gli altri, Gaetano Ruggiero e Michele Lavalle.
Ora, è vero che da un po’ di tempo mi sento quasi in esilio: che con questa amministrazione mi sento quasi in un paese straniero: ma ora è una certezza.
Delle due, una: o il sig. Francesco Lavalle non sa quello che dice non trovando più conforto nel carisma calante della consorte “laureata”, o il Vice-sindaco, sig. Francesco Lavalle, parlava nell’esercizio delle sue funzioni.
In entrambi i casi dovrà rispondere di questa grave intimidazione nelle sedi opportune.
Personalmente, perché si è dimostrato uomo intollerante nei confronti delle critiche che questo blog ha rivolto alla moglie non come persona ma come giornalista o come relatrice in un pubblico convegno.
Politicamente, perché ha dimostrato che l’amministrazione di cui fa parte si sente padrona non solo del Comune, ma di tutto il paese, crede di poter disporre degli spazi pubblici come del cortile di casa propria, dove tutti i cittadini di Coreno sono ospiti: alcuni graditi, altri no.
Non è così. Share on Facebook