Non si può più dire che è un “bel vedere”

Posted by – 31 Marzo 2017

Le vecchie amministrazioni di Coreno erano solite consultare i cittadini sulle opere pubbliche che mettevano in cantiere per condividere le scelte, confrontarsi sulle soluzioni adottate, acquisire consenso.
C’è stato addirittura un ex sindaco, ora promosso alla cura delle acque, che per realizzare il monumento ai caduti promulgò una sorta di referendum racandosi casa per casa per chiedere il parere dei cittadini.
Altri tempi. Oggi i lavori pubblici si eseguono quasi di nascosto, di notte, per mettere i cittadini di fronte al misfatto compiuto…

Share on Facebook

Lascia un commento