Una nuova dignità per il dialetto di Coreno

Posted by – 19 Settembre 2017

Il 17 settembre 2017, nella Sala Polifunzionale del Comune, in un contesto piuttosto allotrio come il Convegno “Omaggio a Tonino – A 5 anni dalla scomparsa di Antonio LIsi” organizzato dalla Pro-loco, è stato presentato il libro Il patrimonio etnolinguistico alimentare di Coreno Ausonio di Maria Chiara Viccarone. Si tratta della tesi di laurea in Dialettologia discussa nell’anno accademico 2016-2017 presso la facoltà di Lettere dell’Università di Roma “La Sapienza”, opportunamente stampata a cura della Pro-loco.
A parte le imprecisioni di improvvisati relatori (la fonetica non studia i “suoni” bensì i “foni”,
il corenese non è una lingua ma un (brutto) dialetto, ecc.), il merito maggiore di questo lavoro di ricerca e di sistematizzazione è stato quello di aver tentato per la prima volta una trascrizione fonetica della pronuncia corenese da cui far derivare la trascrizione in grafemi.
Apprezzabile anche l’autodenuncia del direttore della Serra che ha ammesso molte “trascuratezze” nella trascrizione in italiano di molte parole del dialetto corenese. Altrattanto ci aspettiamo dai responsabili comunali dei cartelli con le indicazione stradali e dei toponimi. Mentre siamo coscienti che non possiamo pretendere lo stesso rigore dai responsabili delle sagre e delle feste paesane…
Immutata resta l’importanza di questo lavoro con il quale in punta di piedi, senza clamore, Chiara Viccarone ha dato un nuovo, grande contributo a elevare il dialetto di Coreno a dignità di lingua.
Share on Facebook

Lascia un commento