Poesie da spedire

Tommaso Lisi, Poesie da spedire
1955-2015
Sessant’anni di versi in otto cartoline

Ancora una iniziativa “fuori sacco” del 4-volte-ventenne poeta Tommaso Lisi: dopo la poesia “scolpita” sulla pietra della casa natale, ecco una serie di cartoline postali che portano sul fronte una poesia scritta a mano e nel retro la stessa poesia stampata con scarni riferimenti bibliografici.
Le cartoline postali, ormai in disuso, erano un tempo un mezzo di comunicazione molto diffuso: più economico nell’affrancatura della lettera ma meno riservato nei contenuti che tutti potevano leggere: una vera alternativa alla cartolina illustrata che consentiva solo l’invio di scarni o al massimo allusivi saluti.
Le cartoline postali sono state riscoperte dal filosofo francese Jacques Derrida, secondo il quale “la posta è il luogo di tutti i transfert e le corrispondenze”, che ne ha spedite tante fino al 1979, a destinatari “indeterminati” e ora raccolte in un volume pubblicato da Mimesis.
Ancora una lezione di modernità da parte di Tommaso Lisi, uno dei poeti più “classici” del nostro tempo.
Lezione (e cartoline) ricevute!
Share on Facebook

Closed