Un voto di scambio del 1892

 Noi qui sottoscritti dichiariamo di avere liberamente e spontaneamente voluto votare e votato per il Sig. Gio: Battista Di Lorenzo, per la elezione a deputato nella votazione del Sei Novembre milleottocentonovantadue.

(Seguono le firme di 61 elettori corenesi)

In questo documento autografo ritrovato nella “cascia” di don Peppino (e già pubbblicato qualche anno fa sulla Serra) la prova storica che il voto di scambio non è un’invenzione dei nostri giorni…

Purtroppo non sappiamo l’evento che è alla base di questa dichiarazione: forse una promessa non mantenuta o un’elezione mancata.

Quello che è certo è che il voto non è mai stato segreto.

 
   
Share on Facebook

Lascia un commento