E’ ora di cambiare musica

La musica popolare è un “bene comune”: un valore da proteggere, da preservare, da difendere.
Dalle mode, dall’incuria del tempo, dalla fine della memoria.
Ma anche dai cattivi interpreti, dai falsi divulgatori, dalla guerra tra bande.
E da chi la strumentalizza, la usa come fanfara per le sue sfilate, come sottofondo per le sue esibizioni, come trampolino di lancio per improbabili carriere politiche.

Share on Facebook

Lascia un commento